Benvenuti nel sito dell'Accademia di Belle Arti di Roma
Vai direttamente ai contenuti della pagina
 
Sei in Home : News : News Arte e Cultura : L'Accademia di Belle Arti di Roma alle giornate FAI di primavera

L'Accademia di Belle Arti di Roma alle giornate FAI di primavera (24/03/2018)

AGGIORNAMENTO
Annullate Giornate Fai Civita D'Antino(Aq) per previsioni neve 24 e 25 marzo 2018. A seguito condizioni atmosferiche avverse, le giornate Fai del 24 e 25 Marzo 2018 previste nel territorio aquilano e Marsica (tra cui l'iniziativa dedicata a Civita D'Antino e ai pittori nordici,con partecipazione dell'Accademia di Belle Arti di Roma,sede di Velletri), sono rinviate al 14 e 15 aprile 2018,con il medesimo calendario.
_______________

Per il week end di primavera, sabato 24 e domenica 25 marzo 2018 il FAI Fondo per l'Ambiente Italia, gruppo Marsica Avezzano(Aq) propone un magnifico programma sul territorio di pertinenza. Oltre alla visita della centrale elettrica di Morino, e del borgo di Morrea, le giornate prevedono la riscoperta dI Civita D'Antino, la città dei pittori danesi,che, al seguito di Kristian Zahrtmann loro caposcuola, si insediarono qui a dipingere per circa trent'anni(1883-1915). Occasione storica offerta dal FAI è la riapertura di palazzo Ferrante, al centro del borgo,riconsegnato alla comunità, che sarà animato da sedute di pittura en plein air, con il coinvolgimento degli allievi del corso triennale di Pittura dell'Accademia di Belle Arti di Roma,sede di Velletri (prof.ssa Sabina Bernard; prof.Eclario Barone). All' interno dell'edificio storico sarà allestita una piccola esposizione di dipinti degli artisti nordici,da collezioni private italiane. Gli studenti del Liceo Croce di Avezzano(Aq) condurranno i turisti intervenuti alla scoperta delle ricchezze del borgo,tra cui il Cimitero Napoleonico, uno dei quattro costruiti in Italia secondo i dettami illuministi dell' Editto di Saint-Cloud (1804). Alle 12.00 e alle 16.00 di domenica 25 marzo il professor Marco Nocca (ABA Roma) leggerà presso il monumento "I Sepolcri" di Ugo Foscolo